QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PONTASSIEVE
Oggi 17°25° 
Domani 11°22° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdisieve, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdisieve
venerdì 22 giugno 2018

Attualità martedì 24 gennaio 2017 ore 17:00

Chianti, in Cina è l'anno del Gallo ma non è Nero

Export, il Consorzio di tutela ha vietato l'uso sull'etichetta del tradizionale simbolo che appare nel logo per non svilire il marchio



ROMA — Poteva essere un'occasione per aumentare le vendite di Chianti in Cina ma il consiglio del Consorzio di tutela ha respinto la richiesta del Consorzio del Chianti Classico. 

Dal 27 gennaio inizia in Cina l'anno del gallo e il Consorzio del Chianti aveva chiesto di poter promuovere il vino toscano in oriente riproducendo il celebre Gallo nero non solo nel logo ma anche nell'etichetta.

Richiesta che è stata negata dal Consorzio di tutela. Le ragioni del no risiedono nella volontà da parte dell'organo di controllo di non svilire un marchio che ha appena festeggiato trecento anni di vita. Il fatto è stato reso noto a Roma dal presidente del Consorzio Chianti Classico Sergio Zingarelli.

Per quanto riguarda le vendite il Chianti Gallo nero non ha una grande tradizione in Cina, circa il 3 per cento del mercato, come Hong Kong e inferiore di un punto al Giappone. Forte invece l'interesse degli Stati Uniti, 31 per cento, maggiore anche dell'Italia, 20 per cento. Seguono Germania (12) e Canada (10).



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità