QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PONTASSIEVE
Oggi 14°25° 
Domani 16°24° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdisieve, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdisieve
sabato 23 giugno 2018

Cronaca giovedì 15 febbraio 2018 ore 10:59

Mazzetta ripresa in diretta, patteggiano in due

foto Ministero della giustizia

Si tratta dell'ex presidente dell'Ance e di un funzionario del Provveditorato delle opere pubbliche. Tangente sui lavori al carcere di S.Gimignano



FIRENZE — Si è concluso con due patteggiamenti il procedimento a carico dell'imprenditore di Pontassieve Stefano Fani, amministratore dellegato della Sire spa e a suo tempo presidente degli industriali edili del capoluogo toscano, e di Francesco Saverio Marino, funzionario del Provveditorato alle opere pubbliche della Toscana residente a San Giovanni Valdarno.  Entrambi erano accusati di corruzione e altri reati per una tangente da 2.800 euro versata da Fani a Marino per ottenere l'affidamento diretto di alcuni lavori urgenti al penitenziario di San Gemignano.

Il passaggio della mazzetta fu ripreso in diretta il 3 novembre 2016 da una telecamera nascosta dalla Guardia di Finanza e, dopo l'arresto, sia Fani che Marino confessarono. Non si trattò di un episodio isolato: secondo l'accusa, alcuni mesi prima, Marino aveva riscosso altri 2.200 euro da una persona incaricata sempre da Fani.

Davanti al gup, Marino ha patteggiato una pena a un anno e sei mesi di carcere e una multa da 400 euro. Fani invece ha patteggiato un anno e quattro mesi di detenzione versando allo Stato un risarcimento di 36mila euro.

Nell'inchiesta sono coinvolti anche altri tre imprenditori edili, due fiorentini e uno originario del Kosovo, che eseguirono per conto della società di Fani lavori in subappalto nel carcere di San Gimignano. I loro difensori hanno chiesto la sospensione del processo con messa alla prova.



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità