QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PONTASSIEVE
Oggi 12° 
Domani 9° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdisieve, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdisieve
mercoledì 21 novembre 2018

Attualità martedì 16 ottobre 2018 ore 11:55

Via Olimpia, ultimi ritocchi su campo e parcheggio

La fine dell’intervento è prevista per dicembre. Sono stati investiti 970mila euro grazie a contributi Stato-Regione per la fusione



FIGLINE INCISA — Si avviano alla fase conclusiva i lavori di riqualificazione di via Olimpia, a Incisa, dove l’Amministrazione comunale sta realizzando un intervento da 970mila euro che completerà l’opera di restyling del centro incisano attraverso un parco attrezzato, di un campo da calcio (e da calcetto) e di un grande parcheggio. 

Al momento gli interventi in corso stanno riguardando contemporaneamente sia il campo sportivo sia l’area parcheggio sotto il supermercato. 

Per quanto riguarda il campo da calcio, i ritocchi finali come la posa di segnature, le porte e la recinzione, saranno ultimati intorno alla fine di ottobre. Si precisa che si tratta di un impianto in erba sintetica (dimensioni 100x50 metri), dove saranno ospitate tutte le attività del settore giovanile e dove si potranno disputare gare ufficiali fino alla Prima categoria. 

Quanto all’area parcheggio, invece, mentre una parte è già stata ultimata e riaperta nei giorni scorsi, da oggi il cantiere interesserà gli ultimi stalli, che saranno completati entro dicembre con l’obiettivo di arrivare ad un totale di circa 120 posti auto. 

Inoltre, in questa porzione troverà posto anche un parco, che si svilupperà verso il campo sportivo e sarà dotato di giochi, arredi e area cani. A dividere il parco dal campo ci sarà via La Pira (la cui sede stradale è stata spostata, mantenendo lo stesso senso di marcia). 

Si ricorda che il progetto – realizzato grazie ai contributi arrivati da Governo e Regione per la fusione dei Comuni, ma progettato e diretto dall’ufficio Lavori pubblici di Figline e Incisa Valdarno – ha dovuto tener conto di stringenti vincoli paesaggistici e idrogeologici, che non hanno permesso la realizzazione di nuove volumetrie o cambi di destinazione d’uso dell’area; come noto, infatti, quella zona è stata in passato soggetta ad esondazioni, tant’è che la Regione, nell’ambito dei lavori per la cassa d’espansione Prulli, vi realizzerà un argine di contenimento alto 3,5 metri e un terrapieno su cui passerà un percorso ciclopedonale.



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Spettacoli

Attualità

Attualità

Attualità