Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 20:30 METEO:PONTASSIEVE21°35°  QuiNews.net
Qui News valdisieve, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdisieve
venerdì 19 agosto 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Maltempo, la ruota panoramica di Piombino in mezzo alla furia del vento: volano via le cabine

Attualità mercoledì 27 luglio 2022 ore 18:31

Stalle di qualità per la filiera del latte toscano

Fasi di produzione informatizzate per la tracciabilità di filiera, gli allevatori attraverso una App condividono i dati con la Centrale del Latte



FIRENZE — I risultati di Tosquilat, sono stati presentati nell'ambito del Progetto integrato di filiera, si tratta della ricerca che ha coinvolto le 53 stalle toscane conferenti di Mukki, per conoscere con dettaglio e uniformità la filiera del latte toscano di qualità. 

L’obiettivo è elaborare strategie comuni per migliorare il benessere degli animali, ridurre l’impatto ambientale e incrementare la qualità della materia prima. Il progetto pioniere in Toscana, si candida a diventare un modello per altre realtà del settore.

Il livello di benessere degli animali è stato valutato secondo la metodologia Classyfarm, con l’elaborazione di un nuovo disciplinare, rilasciato da una società terza specializzata, per il rispetto delle linee guida stabilite dal Centro di Referenza Nazionale per il Benessere Animale (IZLER CRENBA), che garantisce la certificazione del benessere animale per tutte le stalle.

L’analisi completa del ciclo di vita del Latte (LCA) rileva ogni fase: produzione, allevamento e raccolta, trasporti fra le varie fasi, stoccaggio, processi di lavorazione, uso del prodotto, smaltimento dei rifiuti, caratteristiche del packaging. Sulla base delle norme ISO 14040 e ISO 14044, è stata redatta una Dichiarazione Ambientale del Latte Mukki 100% Toscano.

Per la qualità del latte, sono state valutate e introdotte importanti innovazioni nelle strategie alimentari per gli animali, con diete e tipologie di foraggio volte sia a migliorare le proprietà nutrizionali del latte prodotto, sia a ridurre le emissioni di metano. Complessivamente, è stato approntato un Disciplinare di Produzione del Latte Toscano, anche per il baby food e il baby food biologico, che introduce vincoli più stringenti rispetto a quelli di legge, per migliorare tutti gli obiettivi definiti quali benessere dell’animale, qualità del prodotto, sostenibilità ambientale, necessari ai produttori per poter conferire il latte a Mukki Centrale del Latte d’Italia.

Il controllo sarà attuato grazie all’informatizzazione delle fasi di produzione, per assicurare la massima tracciabilità di filiera; come supporto tecnico per i singoli allevatori, è stata elaborata una specifica App per raccogliere dati e condividerli in tempo reale con la Centrale del Latte.

Al progetto Tosquilat hanno partecipato Centrale del Latte d’Italia come capofila, Università degli Studi di Pisa (UTE Centro Avanzi), la Scuola Superiore Studi Universitari e Perfezionamento “Sant’Anna” e la Società Agricola Marchi Bruno Ivo e Remo e cofinanziato attraverso il Feasr - Piano di Sviluppo Rurale 2014-2020 della Regione Toscana.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Si è mostrato in flessione, nelle ultime 24 ore, il trend metropolitano dei contagi che ieri erano stati 286. Tutti gli aggiornamenti
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nadio Stronchi

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Attualità

Attualità