Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 15:04 METEO:PONTASSIEVE19°32°  QuiNews.net
Qui News valdisieve, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdisieve
martedì 15 giugno 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Milano, trivella di 10 metri cade e squarcia la finestra di un palazzo

Attualità lunedì 18 maggio 2020 ore 13:25

Fase 2, suolo pubblico gratis fino al 31 dicembre

Pontassieve

Ecco il pacchetto di provvedimenti varato dal Comune per la riapertura di negozi e ristoranti dopo la fase acuta dell'emergenza



PONTASSIEVE — E' stato scelto il nome di "PonteAcapo" per il pacchetto di misure per il commercio varato dal Comune in occasione delle riaperture nella Fase 2 dell'emergenza Covid-19. "Si tratta di misure – spiega la Sindaca Monica Marini – che riguardano, da un lato, azioni immediate per favorire la ripartenza di commercio, ristorazione e servizi alla persona e, dall’altro, il rinvio o l’esenzione da alcune tasse, in attesa delle risorse che dovrebbero arrivare dal Governo, che auspichiamo siano superiori a quanto annunciato, altrimenti noi Comuni saremo in enorme difficoltà”. 

Ecco i provvedimenti principali.

Per quanto riguarda la Tari, la scorsa settimana l'amministrazione ha proposto al Consiglio comunale il rinvio con nuove scadenze al 31 luglio, 30 settembre e 31 gennaio, in attesa di capire se poi – sulla base dei fondi ai Comuni – potrà essere anche ridotta. 

Per quanto riguarda la Cosap (Canone di occupazione spazi e aree pubbliche), il suo annullamento "che il Governo ha previsto fino al 31 ottobre solo per i pubblici esercizi (quindi quei locali che effettuano somministrazione di bevande e cibo), da noi sarà articolato su più piani – ha detto Marini – perché vogliamo sostenere il nostro tessuto commerciale, venendo incontro a tutti coloro che dal lockdown sono stati duramente colpiti, e per farlo abbiamo ritenuto di modulare le misure.” L’esenzione, dunque, riguarderà tutte le categorie commerciali che sono state chiuse, compresi gli ambulanti che non hanno potuto fare i mercati in questi mesi.  Diverso è il discorso per il commercio in sede fissa, che adesso deve ripartire con i cambiamenti che la nuova fase impone. "Per tutti i commercianti di Pontassieve – dice Marini – l’esenzione della Cosap sarà estesa fino al 31 dicembre, che è il nostro orizzonte di bilancio, con la possibilità di richiedere suolo pubblico anche per quanti finora non ne hanno usufruito”. La priorità sarà per il settore della ristorazione e per i pubblici esercizi, ma tutti i negozianti che vogliono fruire di uno spazio esterno, per disporre tavoli e sedute o per esporre abbigliamento e altri prodotti, potranno richiederlo gratuitamente, scaricando la delibera e il modulo di richiesta che da martedì 19 maggio saranno sul sito del Comune (www.comune.pontassieve.fi.it).

In preparazione anche un’app che, spiega il Comune, possa essere un punto di riferimento per le attività commerciali, per la ristorazione e per il turismo, sul cui sviluppo il Comune sta già valutando alcune idee. 

Infine, parrucchieri, estetisti e tatuatori potranno modulare le aperture con orari flessibili per andare incontro alle esigenze di lavoro, fermo restando il rispetto delle regole anti-contagio da Coronavirus. 

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Il borgo festeggia: l’ultimo caso di Coronavirus risale a quasi un mese fa, guarite le altre persone che avevano contratto l’infezione
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicola Belcari

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

CORONAVIRUS

Attualità