Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 07:00 METEO:PONTASSIEVE11°19°  QuiNews.net
Qui News valdisieve, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdisieve
lunedì 17 maggio 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Meloni e l'idea di Palazzo Chigi: «Sono pronta a fare quello che gli italiani mi chiedono»

Attualità mercoledì 28 aprile 2021 ore 07:00

Rufina, manca un medico: trovata soluzione tampone

medico
Foto di repertorio

La sostituzione della dottoressa dimissionaria è complicata. Il sindaco spiega cosa è stato concordato con la Asl e cosa devono fare i pazienti



RUFINA — Uno dei medici di famiglia di Rufina ha lasciato l’incarico e sostituirlo non è cosa facile. Il sindaco della cittadina ha reso noto via social quanto è stato deciso con la Asl per trovare almeno una soluzione tampone in attesa di individuare il sostituto e garantire ai pazienti la copertura dell’assistenza. Per qualche tempo gli altri 4 medici in servizio sul territorio si sono resi disponibili a prendere in carico gli assistiti della collega. A loro si rivolge il sindaco invitandoli a scegliere il nuovo medico di base, operazione che va svolta presso il distretto sanitario.

A seguito delle dimissioni della Dottoressa Monami, insieme alle Istituzioni preposte Asl, Coordinamento dei Medici e Regione, abbiamo cercato, con un lavoro continuo e faticoso, di individuare una soluzione per i cittadini che si troveranno, dalla prossima settimana, senza un'assistenza medica” spiga il sindaco Maida in una lunga nota pubblicata sulla sua pagina facebook.

“I continui confronti con il Dott. Tocchini di Asl (che ringrazio) e con i nostri 4 medici di famiglia hanno portato ad individuare una soluzione provvisoria che andrà avanti fino al prossimo 8 maggio. La situazione della sostituzione di un medico è più complessa di quanto si voglia far credere. I medici, che hanno con Asl una convenzione, devono rendersi disponibili quando ci sono”.

“Allo stato attuale – aggiunge il primo cittadino rufinese - non è stato individuato nessun medico e in attesa dei prossimi passaggi procedurali, (bando Regionale) l'Asl, ampliando i massimali previsti, ha chiesto ai 4 medici attualmente presenti sul territorio di Rufina di prendere in carico gli assistiti che altrimenti rimarrebbero senza assistenza. Per questa disponibilità, personalmente ringrazio tutti i medici che hanno accolto l'invito dell'azienda con responsabilità e che con altrettanta responsabilità e dedizione continueranno a lavorare come hanno fatto in tutto questo periodo di emergenza”.

“Invitare i cittadini a non scegliere il medico – aggiunge Maida riferendosi ad alcune polemiche registrate in paese nei giorni scorsi - è un'azione irresponsabile dal mio punto di vista, soprattutto per chi è nelle istituzioni, che mai si è preoccupato di capire quanto il sindaco e l'amministrazione, sta facendo su questa delicata questione, ma ha solo lanciando campagne denigratorie e allarmiste su Fb a discapito dei cittadini stessi. La salute è un diritto, sacrosanto, di ogni cittadino, come un diritto quello è quello farsi curare. Tutelare la salute dei cittadini è un nostro, ma soprattutto il dovere di un sindaco”.

È circa un anno che siamo impegnati nell'assicurare una giusta assistenza medica a tutti i cittadini di Rufina, e i cittadini che a me si sono rivolti lo sanno bene e hanno trovato sempre supporto e aiuto in questa situazione di emergenza. Ciò detto, io invito tutti quei cittadini che attualmente sono senza medico a scegliere il più velocemente possibile uno dei 4 medici a disposizione, per non rischiare di rimanere senza assistenza medica. Come ha spiegato bene il coordinatore dei medici, stiamo facendo tutti insieme un lavoro con la Regione e l’Asl per avere al più presto il quinto medico, a cui chiedere eventualmente di fare il servizio anche nelle frazioni”.

“Non fatevi impaurire - dice ancora Maida rivolgendosi direttamente ai concittadini - da chi vi dice che le istituzioni sono assenti, perché non è così, stiamo facendo il possibile e in questo momento la cosa più importante è non rimanere senza assistenza medica. Nel prossimo consiglio comunale informerò il consiglio di tutti i passaggi che sono stati fatti, è dal maggio scorso che stiamo lavorando in questo senso, e quelli che abbiamo in programma anche grazie al supporto del Consigliere Regionale Benucci (che ringrazio) che ha già presentato un’interrogazione all’assessore alla sanità".

"La salute dei cittadini - conclude Maida - è troppo più importante per noi, e fare propaganda politica sulla loro pelle, sempre contro qualcuno, e senza mai con il confronto diretto, chiaro e schietto, non è quello che ci interessa. Noi non lasceremo mai nessuno indietro e ci impegneremo sempre, come stiamo facendo, per il bene e la tutela della salute di tutti i cittadini di Rufina, non solo per qualcuno”.

Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Emergenza Coronavirus, l’aggiornamento della Asl Toscana Centro: l’infezione continua a diffondersi nell’area. I dati di oggi
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicola Belcari

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

CORONAVIRUS