Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:38 METEO:PONTASSIEVE15°  QuiNews.net
Qui News valdisieve, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdisieve
venerdì 05 marzo 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Sanremo, Ibra in ritardo arriva grazie a un passaggio in moto in autostrada: il video

Cronaca giovedì 18 febbraio 2021 ore 17:53

Troppi affitti a Pelago, scoperta mega truffa

soldi

Casa vacanza locata migliaia di volte in due mesi: cinquantenne nei guai per frode informatica per aver raggirato due società americane



PELAGO — Aveva affittato la sua casa di Pelago più di 1700 volte in un paio di mesi. Praticamente impossibile: ed infatti era una mega truffa, scoperta nei giorni scorsi dalla Guardia di Finanza di Firenze. Un cinquantenne – originario di Brescia, ma da tempo residente nella località della Valdisieve – era riuscito a dimostrare di aver affittato la sua casa-vacanze a turisti centinaia e centinaia di volte tra febbraio e marzo del 2020, tra l’altro nel periodo del primo lockdown Covid quando era impossibile viaggiare. 

L’uomo, titolare di una società di appartamenti turistici, aveva inserito sul sito internet Expedia, notissima società statunitense di prenotazioni online di alberghi, un’abitazione che si trova nelle campagne di Pelago. Per ogni prenotazione registrata l’American Express – altra nota società Usa che opera nei servizi finanziari e di viaggio – anticipava al cinquantenne l’importo del soggiorno, cifra che poi Expedia rimborsava ad American Express. Fin qui una normale operazione. Peccato che l’uomo – sfruttando un piccolo errore informatico – era riuscito a moltiplicare praticamente all’infinito il numero degli affitti. In due mesi la casa risultava locata 1721 volte. E grazie alle tantissime prenotazioni fasulle l’uomo avrebbe intascato quasi un milione di euro accreditati da American Express sul conto corrente della sua società di affitti turistici.

Alla fine, però, la società Usa si è accorta che qualcosa non tornava, che gli oltre 1700 affitti per una sola casa erano impossibili e che, quindi, le centinaia di accrediti bancari non erano dovuti. E così ha segnalato i fatti alla Polizia postale. Sono quindi scattate le indagini che hanno portato a identificare l’uomo e a scoprire che con la somma ottenuta aveva acquistato beni poi intestati ad alcuni suoi familiari: sul suo conto corrente erano infatti rimaste poche centinaia di euro. I beni – un appartamento, gioielli, un’auto e altra merce per il valore di circa un milione di euro - sono stati posti sotto sequestro. L’imprenditore è stato accusato di frode informatica.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

CORONAVIRUS

Attualità

Attualità