Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 07:00 METEO:PONTASSIEVE11°19°  QuiNews.net
Qui News valdisieve, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdisieve
lunedì 17 maggio 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Meloni e l'idea di Palazzo Chigi: «Sono pronta a fare quello che gli italiani mi chiedono»

Attualità venerdì 23 aprile 2021 ore 07:00

“Attività, via la Tari per quest’anno”

Sandra Pelli
Sandra Pelli presidente Cna Valdarno-Valdisieve

Valdisieve, la Cna chiede ai Comuni di azzerare la tariffa per gli esercizi pubblici colpiti dalla crisi legata alla pandemia



VALDISIEVE — Azzerare per il 2021 l’intero importo della Tari per pubblici esercizi, strutture ricettive, cinema, teatri, circoli ricreativi, associazioni e strutture sportive comprese le palestre ed abbatterlo per il solo periodo di chiusura delle attività con codici Ateco chiusi in Zona Rossa come parrucchieri ed estetisti.

È quanto richiede Cna (confederazione nazionale artigianato) Valdarno-Valdisieve ai sindaci dei Comuni della zona invitandoli ad imitare l’operato di altre amministrazioni, come il Comune di Empoli. Solo Figline-Incisa infatti, al momento, ha preso provvedimenti per, quanto meno, ridurre, la tassa.

“Sappiamo bene che da sola questa misura non basta, ma costituirebbe un segnale di attenzione delle amministrazioni comunali nei confronti di tutte quelle attività legate al mondo del commercio alle prese con la crisi legata al Covid. In un momento così complesso sentire la vicinanza della pubblica amministrazione è importante – spiega Sandra Pelli, presidente di Cna Valdarno Valdisieve – L’intervento sarebbe senza dubbio una boccata d’ossigeno. In un periodo di forte contrazione degli incassi, come quello attuale, i costi fissi rischiano di affossare definitivamente le nostre aziende. Un’azione così decisa sulla tariffa sui rifiuti ci consente di risparmiare risorse da poter destinare alla ripartenza delle nostre attività”.

"Le imprese artigianali attive in Valdarno-Valdisieve hanno sostanzialmente tenuto nel primo anno di pandemia diminuendo solo dello 0,2%, ma a preoccupare Cna è la scomparsa della voglia di fare impresa attestata dalla forte diminuzione di nuove imprese (-21%) registrate nel 2020 rispetto al 2019. Il crollo di nuove imprese ha raggiunto il suo culminea Londa (-62%), seguita da Dicomano (-52%), Pontassieve (-44%), Figline Incisa (-27%). Quasi stabili San Godenzo, Rufina, Reggello e Rignano. In controtendenza, invece, Pelago in cui le imprese sono cresciute".

“Il decreto Sostegni ha finalmente recepito ciò che Cna chiede da tempo: fondi perduti in base alla diminuzione di fatturato, indipendentemente dal settore in cui l’azienda si trova ad operare, ma non ci soddisfa: si tratta di pochi spiccioli e per pochi. Il meccanismo che dà diritto al contributo, infatti, richiede una perdita di fatturato di almeno il 30%. Il risultato? Riceverà il sostegno solo un’impresa su 4 ignorando – sottolinea Pelli - che tutte hanno dovuto sottostare a chiusure, comprare dpi, lottare contro la mancanza di lavoro, patire la riduzione di mobilità, pagare affitti, contrastare riscossioni difficili, sopperire a mancanza di credito, affrontare il rincaro di materie prime. Cosa si sarebbe dovuto fare? Niente di trascendentale: adottare un meccanismo progressivo che aumenta l’entità del beneficio in base alla perdita di fatturato”.

Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Emergenza Coronavirus, l’aggiornamento della Asl Toscana Centro: l’infezione continua a diffondersi nell’area. I dati di oggi
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicola Belcari

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

CORONAVIRUS